Un nuovo gioco d’azzardo: E’ arrivata la sua ora

migliorare il gioco azzardo

Durante questo distanziamento sociale casalingo, al quale ci ha costretti l’emergenza Coronavirus, il quotidiano è stato senza dubbio messo sottosopra, ma comunque ha anche stuzzicato la fantasia di ognuno per ricercare il modo meno pesante per sopperire alla libertà e per creare qualsiasi svago: chi ha bambini sa quanto può essere difficoltoso suscitare la loro fantasia ed intrattenerli con novità sempre diverse. Gli adulti hanno senz’altro meno pretese (forse) ed in questo isolamento si è fatta una grande abbuffata di ginnastica casalinga, arte culinaria, film, documentari e giochi online che hanno sollecitato la nostra attenzione aiutando a passare qualche ora in allegria offrendo novità ed intrattenimento: le piattaforme si sono adeguate all’emergenza e si sono impegnate ad offerte “che non si potevano rifiutare”! Quindi, il gioco online sta continuando ad essere compagno di “solitudine domiciliare” anche se non può assolutamente essere il solo compagno.

Il mondo del gioco, compresi i siti italiani migliori legali di casino, ha dovuto adeguarsi e dare spazio all’inventiva ed alla creatività dell’online ed anche le aziende con l’indirizzo del “gioco fisico” hanno dovuto cercare qualcosa di diverso poiché tutte le attività terrestri sono state chiuse, ormai da quasi due mesi, con tutte le conseguenze economiche del caso. Conseguenze che, però, sembrano non sfiorare le istituzioni ed i loro aiuti a sostegno delle imprese, considerato che quelle del gioco sono sempre in fondo a qualsiasi classifica istituzionale venga mai compilata o pensata. Ma il gioco ha una forte “tempra e carattere inattaccabile” e per questo, da solo, si deve reinventare qualora venga organizzata una ripartenza delle attività ludiche sotto la fantomatica “fase 3” che si è affacciata all’orizzonte negli ultimi giorni e della quale nessuno aveva ancora parlato. Infatti, tutta l’attenzione istituzionale e mediatica era proiettata sulla difficilissima “fase 2”, così complicata da concertare e che ha lasciato tanti dubbi per il rischio di un riacutizzarsi del contagio.

La pandemìa sta rappresentando un vero incubo per tutti, anche per il gioco che fa parte di quelle poche attività tra le ultime a riaprire i battenti, quindi, settore tenuto in ostaggio dall’emergenza che prima o poi senz’altro finirà. Ma siccome la tempistica continua a dilatarsi si rischia veramente di “mettere al tappeto” l’intero sistema gioco e rendere inutile ogni possibile sforzo per opporsi ad una fine veramente ingloriosa, ad un azzeramento di tutte le imprese che necessitano di liquidità che non arriva da nessuna parte: né dallo Stato a mezzo di cosiddette risorse, né dagli introiti irricevibili appunto per la chiusura ed il blocco di tutte le attività ludiche. Per coloro che invece riusciranno ancora a resistere, magari sino alla “fase 3” e, quindi, sino a giugno-luglio andrà trovato qualsiasi stratagemma per resistere allo tzunami Coronavirus che ancora non ha perso la sua forza devastatrice e che costringe la maggior parte dell’industria italica a “guardare cosa mai potrà succedere”.

Per il momento ci si sta opponendo all’emergenza, continuando soltanto a ripetere che nulla sarà come prima, ma non si sta facendo nulla per studiare quali strumenti si possono utilizzare per almeno ipotizzare un’operatività per il nuovo futuro, un nuovo mercato e, perché no, un nuovo modello di intrattenimento di gioco: tutto diverso da quello che è stato vissuto sino a qui nella forma, se non nella sostanza. Il gioco si dovrà “vestire di tante novità” e cercare di comprendere cosa vorrà, alla riapertura delle aziende e dell’isolamento domiciliare, l’utente tipo del suo mondo: colui che ha sempre “giocato con il gioco”, con le slot, le vlt, il bingo. Il cliente che non perdeva un’estrazione del Lotto e non passava giorno senza l’acquisto almeno di un gratta&vinci, come riuscirà domani ad arrivare ai suoi giochi preferiti? Come sarà l’accesso ai locali che offrono il gioco di Stato? Che percorso si dovrà seguire? Fermo restando, naturalmente, gli strumenti di prevenzione che dovranno essere sempre presenti nel nostro quotidiano abbigliamento, diventando un altro accessorio che non ci si dovrà dimenticare all’uscita dalla nostra abitazione!

Sarà in grado il cittadino di comportarsi con raziocinio e rispetto delle regole? Di seguirle anche se va a divertirsi con il gioco? Sarà una importante scommessa sulla quale sta puntando il Premier Conte: si è sicuri che sia consapevole che l’avvio della “fase 2” sia ricolma di rischio, come hanno attestato gli organi sanitari al momento della comunicazione dell’ultimo decreto istituzionale che ha srotolato date, riferimenti alle aziende che potranno aprire, il comportamento dei dipendenti e l’obbligo delle relative aziende per la loro tutela. Insomma, sembra di essere seduti su di una polveriera: per il momento in fase di quiete, ma che potrebbe saltare da un momento all’altro. E questo è il rischio delle aperture a venire: intanto il gioco pubblico sta alla finestra, ma riuscirà a starci ancora per poco, perché le risorse “personali” delle imprese ludiche sono al “lumicino”. Ma, per il mondo del gioco e delle scommesse sul calcio, forse, è arrivare il momento di porre uno “stop” al vecchio gioco, a quello che è stato troppo spinto sul mercato ed a ciò che gli è stato creato attorno.

Il gioco è troppo, mal distribuito, troppo “asfissiante”, troppe opportunità: ad onor del vero è proprio per questo che le associazioni di categoria continuano a “pregare” lo Stato centrale di mettere mano al riordino nazionale, ed a risolvere la questione territoriale che da troppo tempo tiene quasi in ostaggio le stesse attività ludiche. Oggi appare proprio il momento adatto per “ricominciare a giocare” ripartendo quasi da zero, archiviare il vecchio gioco e studiarne un altro nuovo più aderente all’attuale realtà, Un divertimento a cui tanti cittadini si rivolgono per distrarsi: ma deve essere, in ogni caso, un gioco migliore, magari anche più coinvolgente, ma non vi è dubbio che deve essere un gioco meno presente, più organizzato, seguito da personale all’altezza della situazione e non soltanto essere considerato come un “qualcosa che sfrutta le altrui debolezze”. Questo mai.

Maggio 9, 2020: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
225 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1350€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita