L’Europa del Gioco riparte con una certa fretta

gioco in europa riparte con fretta

Il mondo del gioco d’azzardo e dei migliori casino sicuri con soldi veri, racchiude l’interesse di tantissimi suoi estimatori: special modo nel nostro Paese, ma non solo. É un divertimento molto “ricercato e praticato” e la stragrande maggioranza dei giocatori non è problematico né tanto meno soffre di disturbo da gioco d’azzardo: un intrattenimento che coinvolge sia il gioco terrestre ed ultimamente tanto anche quello online in conseguenza del “domicilio forzato” a causa del Coronavirus che ha fatto scoprire questo segmento a tante persone. Persino a coloro che erano prevalentemente portati a giocare con il gioco fisico, pensando desse più soddisfazione, oppure a coloro che non avevano tanta dimestichezza con il web. Ma il gioco, ormai si sa, è un fenomeno che ha “contagiato” l’intero Pianeta: infatti, in questo periodo di pandemìa dove è stato sospeso ovunque, ora comincia prepotentemente a riaffacciarsi ed a richiedere il suo spazio, cosa che in Europa tranquillamente gli viene concessa, sempre seguendo tutti i criteri di sicurezza per la salvaguardia della salute e, quindi, con i protocolli sanitari da applicarsi con severità ed attenzione.

Quindi, sia in Francia, Olanda, Germania, Spagna e Regno Unito il mondo del gioco si sta riaffacciando sul mercato per “deliziare” i suoi estimatori che hanno senz’altro bisogno di divertimento dopo un periodo tenebroso e preoccupante. Ma in Italia, purtroppo, ancora no: almeno per il momento. Non si vuole “copiare” ciò che stanno facendo gli altri Paesi ed il nostro Esecutivo Giallo-Rosso continua imperterrito nella chiusura delle attività di gioco anche se qualche sensazione di apertura verso la data del 15 giugno sembrerebbe esistere, nonostante il settore ludico senza dubbio si aspettasse qualcosa di diverso e più anticipato. Aveva sicuramente contribuito ad alimentare tale speranza la ripartenza del campionato di calcio che poteva lasciare intravedere la possibilità della riapertura anche delle agenzie di scommesse, considerando che ai giocatori piace scommettere sulle partite: invece, niente di tutto questo ed il gioco attende un ulteriore decreto dell’Esecutivo per la riapertura delle attività del gioco pubblico.

Nel frattempo, non rimane che curiosare cosa si sta facendo negli altri Paesi europei dove si delineano chiaramente, invece, i piani proprio per la riapertura dei giochi. Tutta l’Europa, tranne l’Italia, con i relativi Governi si sta attivando con piani specifici per la ripartenza certamente di tutti i settori, ma anche progetti mirati proprio al settore del gioco d’azzardo. Dopo i primi annunci di Spagna, Malta, Inghilterra ed Irlanda, anche la Francia ha deciso che le sale da gioco potranno riaprire i battenti dal 22 giugno insieme ai centri di intrattenimento (come i nostri FEC per intenderci), mentre le slot machine ed i giochi elettronici presso i casinò hanno già “ricominciato il loro lavoro” dal 2 giugno: prima delle sale giochi in Francia hanno riaperto bar, caffè e ristoranti. Solo a Parigi vi saranno più restrizioni, poiché il rischio in una città così vissuta è maggiore e, quindi, potranno riaprire solo i pubblici esercizi che abbiano terrazze all’aperto per offrire aperitivi o pranzi.

Anche in Francia, ovviamente, persiste il distanziamento sociale e le persone potranno incontrarsi soltanto in gruppi al massimo di dieci persone e nei ristoranti dovrà essere garantita la distanza minima di un metro tra i tavoli. In aggiunta, il Premier francese, con l’approssimarsi delle vacanze, ha anche revocato le restrizioni sui viaggi nazionali così da non recare ulteriore danno al comparto del turismo, che sta soffrendo comunque tantissimo in qualsiasi realtà territoriale a causa ed in conseguenza del Coronavirus. Dalla Francia, si vuole “fare un salto in Olanda”, dove le sale giochi invece dovranno attendere ancora un po’, infatti riapriranno il 1° luglio, ma scadenza migliore di quella preventivata in precedenza e che autorizzava i giochi ad alzare le saracinesche il 1° settembre. Quindi, l’Esecutivo olandese ha variato i suoi programmi iniziali, sempre però subordinando l’anticipazione della riapertura ai dati relativi al contagio: se si dovessero avere cambiamenti in negativo si provvederà a richiudere sia le sale da giochi che i casinò.

Si è consentita anche l’apertura di un grande parco a tema, Efteling, però con capacità ridotte, insieme al parco costiero di Duinrell. É evidente che l’industria del gioco italiana guarda con interesse questo piccolo passo indietro del Governo olandese relativamente all’anticipazione delle riaperture del gioco, sperando che una cosa simile possa avvenire anche in Italia: nel frattempo, sono ore di discussione per il nostro italico gioco e per la scadenza, vicina, del 15 giugno per un possibile riaffaccio del gioco sul mercato. In Olanda ai cinema era già stata concordata l’apertura per il 1° luglio, mentre i ristoranti potranno riaprire con un massimo di 30 persone all’interno. A questo punto “ci piace” prendere atto che il gioco d’azzardo in altri Paesi è considerato in modo alquanto diverso che nel nostro: anzi, viene considerato come un settore commerciale o di servizi come tanti altri e non viene messo in coda agli altri comparti.

Nonostante si facciano da tempo sforzi per tentare di comprendere, non ci si rende conto perché in Italia, special modo da tre anni circa, il gioco debba seguire una strada a sé nell’economia del nostro Paese e sopratutto nella considerazione dell’attuale politica che, senza dubbio, da quando si esprime “a quattro mani” non lascia molto spazio al settore ludico per poter proseguire nelle proprie attività. Lascia basiti il fatto che, invece, nel resto d’Europa questo non accada e appare ancor più strano quando si hanno per il nostro italico gioco pareri e considerazioni positive proprio a livello internazionale: almeno questo succedeva prima dell’emissione del Decreto Dignità, con lo stranoto divieto di pubblicità ai giochi ed alle scommesse. Infatti, sino a quel provvedimento l’industria italica del gioco, in tutti i suoi segmenti, nelle fiere internazionali di settore è sempre stata indicata come esempio per il resto d’Europa, così come il suo ordinamento: come sembrano lontani quei tempi, purtroppo.

Giugno 21, 2020: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
225 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1350€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
gioco digitale casino logo
Gioco Digitale Casino
150 Giri + 500€
legale aams
Visita
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 3000€
legale aams
Visita
bwin casino logo
Bwin Casino
50 Giri + 200€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita