L’eco delle Wsop di Poker risuona ancora oggi

wsop poker

Risuona ancora oggi, seppur a qualche giorno di distanza, l’eco delle Wsop di Las Vegas, ovviamente, si sta parlando di poker: sul podio non tanto a sorpresa poiché il suo gioco aveva strabiliato un po’ tutti sin dall’inizio, c’era un italiano, Dario Sammartino, che si è creduto potesse arrivare a quel punto già “da tempo”: quindi, un nostro connazionale che avrebbe potuto vincere il braccialetto da campione del mondo di poker. E non è indubbiamente cosa da poco! Ma non ci si può esimere, anche se come detto l’evento si è chiuso la scorsa settimana, dal fare ugualmente una sorta di “racconto” delle sue ultime gesta: quindi, ecco che ci si sente pronti per questa favola (purtroppo, non a lieto fine) che ha portato “grande orgoglio” all’Italia e vedere Dario, all’inizio di questa ultima parte storia, tra i primi tre è stata, credo per tutti coloro che seguivano questo evento, una emozione incredibile ed una grande “fratellanza”. Oltre tutto, si deve anche considerare che Dario si trovava di fronte due avversari notevoli che mettevano a dura prova tutta la sua astuzia e la sua volontà di arrivare al “braccialetto” che, inutile dirlo è il più grande obbiettivo per un player: uno era Alex Livingston e l’altro Hossein Ensan, due avversari veramente temibili.

Quando, nel corso delle battute finali del torneo, che non si è svolto in uno dei tanti casino online, si erano raggiunti 4 milioni di dollari altro che semplice emozione governava i nostri cuori! Si rappresentava in quel momento la più grande vittoria mai registrata da parte di un player italiano in un torneo live di poker che viaggia spesso e volentieri a “fari spenti”, ma che ridesta un incredibile interesse quando le luci si riaccendono su di un importante evento e, particolarmente, quando c’è in gioco un connazionale così bravo. Il “nostro Dario” in un colpo aveva superato l’amico Mustapha Kanit ed aveva vinto metà di tutto ciò che ha “collezionato” sinora in carriera: ma nel presente si presentava un sogno ancora più importante da raggiungere, la conquista del tanto desiderato braccialetto. Dario, però, doveva solo sperare (e la speranza è l’ultima a morire per una frase “fatta, ma che per questa cosa ci sta proprio bene”) che Ensan potesse cedere qualcosina in un torneo che lo ha visto sempre accompagnato da una “buona sorte”, ma anche dalla sua forza che lo porta ad essere più che solido!

Ma Dario era lì, sempre presente ed attendista in un segno di debolezza dell’avversario: aveva aspettato con astuzia non mollando, ma tenendo comunque d’occhio anche Livingston, canadese, ed anch’esso molto temibile. Ma, nonostante gli avversari presentassero sicurezza, solidità, astuzia e fortuna il nostro connazionale, alla fine, si trovava sempre lì, sul podio: bisognava anche stare molto attenti ad Ensan che aveva distrutto piano piano tutti, ma che al momento stava temendo l’atteggiamento del nostro super player. Dario, in ogni caso, aveva giocato in modo attendista, con grande calma e senza alcuna fretta forte: insomma, era stato sino a quel momento assolutamente perfetto. Ora, però, si pensa di aver atteso abbastanza “raccontando” il pre-evento definitivo e di aver tenuto anche troppo sulla corda chi ci legge e si passa a raccontare la storia della finale che è quella che, ovviamente, interessa chi segue anche indirettamente il poker e, quindi, ecco che si è arrivati allo “scontro finale”.

Dario alla fine di una battaglia sostenuta contro un avversario più che ostico è arrivato, purtroppo se così si può dire, solo secondo e tutto il rammarico per questo risultato lo lascia trasparire dalle parole rilasciate alla fine del torneo che si possono riassumere così: “Mi è piaciuto il mio gioco, ma avevo di fronte un giocatore molto forte come Ensan che ha vinto meritatamente. Domani sarà un altro giorno e sarà tutto bellissimo ma adesso, proprio no”. Ovvio, che la delusione sul viso di Dario era quasi “palpabile” e la sua espressione esprimeva tutta la tensione che aveva passato in questo torneo. E non solo, rappresentava anche la fine del suo sogno, perché naturalmente lui, quel braccialetto lo voleva fortemente ed anche se ha centrato il miglior risultato nella storia del poker italiano è uscito ugualmente deluso, anzi molto deluso. Essere arrivati così vicino ad un’impresa importante e ad una meta raggiungibile “fa rabbia”: ma Dario può essere soddisfatto sin qui della sua carriera, ma la vittoria in questo torneo era l’unico obbiettivo possibile per un campione di poker come lui.

Di questo secondo posto si parlerà ancora a lungo e si spera che qualche testata si prenda, finalmente, la briga di “lodare” l’impresa sia di questo player italiano che si è così distinto nell’intero torneo, sia anche di ricordare gli altri connazionali che hanno raggiunto risultati che si potrebbero definire “storici”. Pescatori, Minieri, Palumbo, Suriano, Candio e Butteroli ecco gli altri “fenomeni” che, insieme a Dario Sammartino, hanno portato lustro al poker italiano: ma i nostri player non vengono nominati spesso dai “media specialisti” di questo settore che scrivono per aggiornare lo svolgersi dei vari importanti tornei. Come se i nostri players non fossero mai all’altezza della situazione, ma non vorremmo essere tacciati di vittimismo perché questo “non ci piace”.

Dobbiamo solo godere dello splendido risultato di Dario Sammartino, da considerare “quasi una vittoria” e fargli arrivare tutta la nostra considerazione ed il nostro apprezzamento. Infine, due parole anche per il vincitore di queste Wsop di Las Vegas: Hossein Ensan, un muro invalicabile che ha dato la sensazione per un piccolo istante di poter crollare “sotto i colpi” di Alex Livingston ed anche del nostro Dario Sammartino che quasi era riuscito ad infliggergli il colpo del “KO”. Pazienza, la soddisfazione è tantissima, l’orgoglio è immenso ed anche il nostro Dario contornato alla fine da baci ed abbracci pieni di affetto deve “accontentarsi di un secondo meritato posto”: c’è ancora tempo e modo per far vedere a tutti coloro che amano il poker di che cosa è capace un nostro meraviglioso player italiano.

Agosto 7, 2019: •
SitoInformazioniLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
10€ Gratis + 1200€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
tianbet casino logo
Titanbet Casino
20€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
32red casino logo
32Red Casino
10€ Gratis + 160€
legale aams
Visita