Il panorama che si vuol far vedere del gioco d’azzardo

panorma del gioco azzardo italiano

La situazione d’emergenza che si è costretti a subire sicuramente non è delle migliori, sopratutto per quel che riguarda il panico che anche se molto diminuito, ancora alberga negli italici cittadini. Però, si spera che questa sorta di delirio che ha accompagnato fino a qui il Coronavirus vada via via “normalizzandosi” nella sua emergenza e si spera che il Paese possa tornare alla normalità accompagnato anche da un “fare della politica” più proporzionato e meno allarmistico, cosa che appare stia facendo in questi giorni. In questo stato di allarme generale passano, inevitabilmente, in secondo piano altre esigenze, seppur molto importanti: infatti, si vuole tornare a parlare anche dell’emergenza (senza abusare di questo termine, ma solo per significare quanto è importante che il settore venga ascoltato) del mondo del gioco pubblico, delle sue imprese e dei tanti lavoratori che questo comparto occupa, sino a quando sarà possibile. D’altra parte, l’esperienza ha insegnato che si vive quasi sempre in emergenza: dai terremoti, alle alluvioni ed alle epidemie ma questo non deve distrarre l’attenzione dalle “problematiche normali e quotidiane” che si è costretti a vivere.

Quindi, si vuole ritornare a prima dell’epidemia ed alla situazione del gioco pubblico e dei migliori casino, sperando che si voglia quanto meno affrontare la tematica di questo comparto commerciale ed industriale che è al collasso anche perché si insiste a darne un’immagine mediatica pessima. In attesa di ritornare ad una tranquillità generale, ed anche durante la crisi, si deve constatare che il gioco sta costantemente cambiando anche se lo si circonda con gli stessi epiteti: “immorale e la piaga del secolo”, refrain costante ed espresso spesso dalla nostra attuale politica, in particolare dallo schieramento dei Cinque Stelle sempre pronto a far arrivare questo principio all’opinione pubblica, anche con estrema convinzione. Il gioco, ed il giocatore stanno cambiando ed evolvendosi anche seguendo la strada della tecnologia e dell’innovazione che accompagnano costantemente gli interpreti di questo settore.

E ciò nonostante si continui a livello mediatico a proporre un’immagine del gioco pubblico piuttosto spietata che lo racconta in modo decisamente inappropriato e negativo: si fanno emergere soltanto le negatività che lo stesso comporta ed anche che l’industria del gioco è pervasa da illegalità e da persone che fanno parte delle organizzazioni criminali. Ma “inoltrando” queste informazioni all’opinione pubblica ci si “dimentica” che l’illegalità si sta insinuando con più frequenza del mondo del gioco unicamente per colpa dello Stato centrale. Si è concessa, infatti, troppa libertà alle Regioni ed agli Enti Locali nell’emissione di norme estremamente restrittive per le attività ludiche costringendole, a volte, a chiudere i battenti ed estromettendole dai propri territori, dove continuavano a tenere alto il baluardo della legalità.

Ma questo, ovviamente, non viene trasmesso ai cittadini che continuano a vedere il gioco con un’immagine sfalzata dalla realtà e lo accostano inevitabilmente a qualcosa di negativo e di pessimo esempio. Oggi invece, il gioco pubblico in tutti i suoi segmenti, vorrebbe mantenere il suo fascino nei confronti degli utenti che lo ricercano con esigenze sempre più dettagliate, proponendosi con la priorità del gioco responsabile. Questo deve accadere nonostante il famoso divieto della pubblicità che senz’altro incombe, ed anche tanto, su tutta la filiera del gioco e delle scommesse online, ma mette anche di fronte alla possibilità di sperimentare nuove forme di comunicazione alternativa che potrebbero persino rendersi necessarie nel resto del mondo regolamentato dei giochi. Ma tenendo anche presente, sempre per il divieto totale della pubblicità, che AgCom ha consentito alcune eccezioni quando si tratta di marketing: infatti, le informazioni non vengono coperte dal divieto quanto si riferiscono alle quote, ai jackpot, ai bonus disponibili ed alle scommesse minime.

Di certo è poca cosa in proporzione alla pubblicità esistente sino all’anno scorso, però questa è la realtà. Poi, per contraddire tutto quello che di negativo “viene imposto mediaticamente” sul gioco pubblico, sembra arrivato il tempo che il settore dimostri tutta la sua creatività in un momento dove le normali forme di marketing sono state bandite, come le pubblicità televisive e le sponsorizzazioni. É ovvio che, finalmente, il gioco deve farsi conoscere con progetti più specializzati, magari basati su una più rigorosa attenzione alla vita di gioco degli utenti che potrebbe essere una buona idea per aumentare i budget di fidelizzazione del cliente. Senza dimenticare, infine, i recenti sviluppi di affiliazione ed il social networking che apriranno nuove strade essenziali, da ora in poi, per poter arrivare a comunicazioni particolarmente dedicate.

Magari, potrebbe esserci “un ritorno al passato” proprio con i vecchi metodi di gestione dell’online, che fanno parte delle strade lasciate aperte agli operatori da AgCom, e metodi che potranno essere arricchiti inevitabilmente dalle conoscenze maturate negli anni, ma anche accompagnati dai sistemi di “business intelligence” che attualmente sono disponibili per gli imprenditori. Per sfatare tutto il mare di ingiustizie che mediaticamente vengono riversate al mondo dei giochi, si dovrà strenuamente combattere con l’innovazione che risulterà fondamentale, ma anche con un marketing più fresco e creativo: tutta questa offerta di opportunità, se vista con il concetto del “bicchiere mezzo pieno” può anche far arrivare a pensare che il gioco pubblico sia ben lontano dall’ultimo respiro, anzi. Oggi si è di fronte ai cambiamenti, magari uniti anche ad un regime più restrittivo, ma prodromo di buone nuove cose sia nel nostro Paese, ma anche a livello europeo.

Il mercato può essere promettente per chi studia i contenuti del gioco e soluzioni creative importanti ed innovative: ma tutto deve essere di livello alto per poter lavorare in un nuovo ambiente occupato da un nuovo gioco d’azzardo, stimolante e divertente. In pratica, oggi, si dovranno vedere fornitori pronti ad usare come si conviene una innovazione ragionata ed anche operatori che si dimostrano pronti a cambiare in un momento particolare sia del nostro Paese che ovunque. Saranno “frutti buoni e dolci” da raccogliere a dispetto dei detrattori, dei benpensanti e dei finti moralisti che insistono a dire che il gioco è composto da persone grette e prive di qualsiasi positività e, quindi, di nessun sostegno per il sociale. Ma saremo davvero ancora a questo punto?

25 Marzo, 2020: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1350€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
225 Giri + 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
merkur win casino logo
Merkur Win Casino
15€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita