Il gioco d’azzardo e la ripartenza economica dell’Italia

economia italiana ripartenza insieme al gioco azzardo

Non vi è più alcun dubbio che la ripartenza dell’economia del nostro Paese sia contornata da difficoltà, poca chiarezza, poca celerità nell’approntare i programmi futuri, ed anche da poca esperienza da parte di coloro che, invece, dovrebbero “scientemente tirare i fili” in questa situazione così complicata nella quale si dibatte tutta la nostra industria. Purtroppo, sono tanti i settori travolti dall’ondata della pandemìa e non ne esiste alcuno “libero” dalle pressioni che l’emergenza economica sta provocando. Ora ci si trova a confrontarsi con una nuova task force formata da un team di tecnici, e purtroppo anche da tanti burocrati e politici, per gestire la famosa ripartenza economica del Paese che seppur con le varie riaperture non riesce proprio a decollare. Purtroppo, anche questa nuova scelta del Premier Conte per gestire le risorse del Recovery Fund non è stata bene accolta dalle opposizioni che appaiono spesso alquanto nervose ed alle quali sembra non andar bene alcun chè venga approntato dall’Esecutivo. E non solo: anche la maggioranza non appare soddisfatta di questo team particolare che contornerà il fare del Premier.

Sicuramente questo clima così incerto tra maggioranza ed opposizione non lascia intravedere tranquillità e progetti particolarmente condivisi, cosa che getta ulteriormente benzina sul fuoco nella situazione di ripartenza economica già di per sè abbastanza complicata. Ma, visto che l’ultima iniziativa di Conte sembra così poco condivisa “ci piace”, prima di criticarla valutarla meglio e magari se ci riesce, anche in modo obbiettivo, qualità che dovrebbe essere meglio applicata in politica perché farebbe fare notevoli passi in avanti verso programmi più congegnali alla situazione di rinascita del Sistema Italia. La nuova task force verrà affidata ad un gruppo di ministri della maggioranza che dovranno, però, essere agli ordini di Conte che continua nella strada che si è prefisso, seppur osteggiato dalle polemiche a volte veramente sterili che gli vengono imposte. Sicuramente, il compito del Premier non è quello dei più facili: cercare di governare la nave Italia in un mare magnum di incertezze, non avendo un appoggio totale ed incondizionato, lo mette senz’altro in condizione di non essere sereno.

Nonostante questo clima decisamente discutibile, Conte insiste nel suo progetto che si spera prenderà definitivamente corpo tra pochissimo, e nel frattempo continuerà nelle sue varie relazioni in Parlamento, anch’esse sempre un poco “movimentate”. Dunque, per tornare alla task force così discussa, si può innanzi tutto dire che non sarà simile a quelle nate nel periodo della piena emergenza, ma assomiglierà a quella adottata nel piano “Strategia Italia” e costituita nel febbraio 2019 per l’accelerazione degli investimenti pubblici. Quindi, una cabina di regia politica con a capo il Premier, che si avvarrà dell’esperienza dei ministri dell’Economia, Sviluppo Economico, Infrastrutture, Innovazione: potrebbero anche essere coinvolte le Regioni ed i Comuni e questo “insieme di menti” deciderà come ben ripartire i 209 miliardi garantiti dal Recovery Fund. Invece, per i progetti verrà delegato un altro organismo formato da esperti dei vari settori, ma anche da “alti burocrati” e funzionari di Stato guidati da un nominativo che verrà scelto sempre da Conte, con il gradimento degli alleati.

Ma tutto questo potrebbe anche coinvolgere il mondo dei giochi e dei casino su internet? É la domanda che si pone con una certa apprensione il settore ludico che spera sempre di essere inserito in un piano più esteso, pur avendo ricevuto con la notizia della delega ai giochi a Pier Paolo Baretta una forte iniezione di fiducia e di speranza e con l’assicurazione da parte del Ministro dell’Economia che si provvederà (finalmente) ad una riforma dell’intero settore un’altra ondata di positività e di apertura verso un futuro più vivibile per il gioco. Di certo l’esperienza con le varie task force messe in campo per la pandemìa si può dire che non abbiano avuto un impatto favorevole per i giochi, anzi: infatti, tutte le esigenze del settore sono rimaste completamente inascoltate dai vari team che avrebbero dovuto almeno valutarle. In questo caso, però, le cose potrebbero essere diverse poiché dovrebbero esserci tecnici con un profilo più operativo e conoscitori dei vari meccanismi economici ed amministrativi e si spera che possano avere anche qualche conoscenza delle dinamiche specifiche del gioco pubblico.

L’esperienza di queste task force ormai dovrebbe essere “rodata” anche se sicuramente la gestione del Recovery Fund sarà un intervento molto più impegnativo, poiché su tale gestione e sulla sua riuscita dipenderà il futuro di tanti settori, e quindi di tante imprese e di tantissimi lavoratori. Non andrebbe (il condizionale purtroppo è d’obbligo) sbagliato nulla e si dovrebbe gestire il tutto con una precisione maniacale perché sono tanti “i buchi” che si sono formati nella nostra economia: buchi assolutamente da sanare e dai quali bisognerebbe ripartire per creare un supporto più che sostanzioso per poter far ripartire questo nuovo Sistema Italia che ha assoluta necessità di “respirare un poco di aria fresca”. Ancora ardui programmi per il nostro Premier Conte, quindi, che sicuramente avrà avuto momenti della sua vita politica meno pericolosi di questo: è perennemente nel mirino sia della sua maggioranza che dell’opposizione che non aspetta altro che un passo falso, od incerto, per far piovere critiche ad oltranza.

Ma questa è purtroppo la politica, sopratutto quella del nostro Paese che riesce ad essere in disaccordo anche quando questo non dovrebbe esistere perché l’obbiettivo comune di tutta la classe politica, maggioranza ed opposizione, dovrebbe essere la ricostruzione di quell’Italia che è sempre stata considerata importante e che oggi forse non gode più di quell’immagine tanto cara a chi ha qualche anno in più di esperienza. Quindi, ci si trova a vedere sempre il Premier Conte discusso e criticato anche se sembra facile criticare i compiti che vengono svolti da altri, special modo in situazioni mai vissute prima. Ed anche chi non è proprio un “appassionato” del Premier, come chi scrive, deve dare atto che seppur nella incertezza che corona quasi sempre i suoi diversi percorsi, si deve considerare che si sta dando un gran da fare per portare avanti gli interessi del Paese, anche se sempre apparentemente non molto sicuro del suo fare.

Agosto 10, 2020: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
225 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1350€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita