Il gioco d’azzardo dopo l’incontro con il Coronavirus

coronavirus e situazione gioco azzardo

In generale, il mondo sta cercando con tutte le sue forze di rialzare la testa e di adeguarsi alla nuova normalità che la pandemìa ha imposto e che, obbiettivamente, tiene in ostaggio tutti i Governi costringendoli a fare i conti con i vari cambiamenti che tutte le società devono effettuare. Le economie di tutti gli Stati coinvolti stanno subendo contraccolpi importanti che mettono a rischio le diverse filiere industriali, cosa che obbliga i vari Legislatori a “salti mortali” di ogni forma per cercare di rimettere in sesto i diversi sistemi economici: impresa ardua per tutti, dalla realtà territoriale più estesa a quella più piccola, ma tutti con lo stesso problema che sta coinvolgendo l’intero Pianeta. Diventa sin troppo evidente, di conseguenza, che vengano proposti studi, ricerche ed indagini sulle “risposte” che i vari Governi mettono in campo per contrastare questo assedio del virus che, oltre che presentare un “conto spesso troppo salato” in relazione alle persone coinvolte, impone a tutti dei cambiamenti radicali che bisogna forzatamente affrontare. Anche perché è fuor di dubbio che l’effetto della pandemìa avrà un impatto a lungo termine su tutti i cittadini, sul mondo del gioco d’azzardo e dei siti di casino e, purtroppo, non solo su quello.

L’International Association of Gaming Regulators, meglio conosciuto come IAGR, rappresenta le organizzazioni che si occupano della regolamentazione del gioco in tutto il Mondo ed il suo obbiettivo è quello di promuoverne l’efficienza e con una nuova sua indagine ha voluto “scattare una foto del panorama attuale” del mondo del gaming, profondamente provato dalla pandemìa che, a sua volta, ha provocato le reazioni dei vari Legislatori. Reazioni che si sono sviluppate in modi magari diversi nei confronti dei vari comparti del gioco, ma che hanno affrontato le mille problematiche del vivere delle attività ludiche durante e dopo il lockdown, ma talvolta problemi già esistenti in alcuni segmenti del gioco ancora prima dell’emergenza sanitaria. Senza dubbio, questa “fotografia” vuole portare alla luce l’impatto devastante sulle entrate lorde del gioco d’azzardo, sul gioco problematico, su quello illegale e sul gioco emergente come quello che si occupa degli eventi virtuali: un’ampia foto panoramica che richiede la massima attenzione.

É interessante “curiosare” quali sono state le diverse risposte delle Autorità di regolamentazione e sopratutto le diverse previsioni per l’impatto della pandemìa valutato a lungo termine: infatti, si tratta di fare “programmazioni economiche” proiettate nell’arco di diversi mesi poiché questa situazione pandemica accompagnerà le nostre vite per tanto tempo ancora, purtroppo, e tutti dovranno imparare a conviverci, in qualsiasi settore. Ma a chi scrive interessa principalmente il gioco d’azzardo ed è su questo che ci si sta concentrando seguendo l’indagine IAGR che potrebbe anche riservare qualche particolare sorpresa relativa ai “movimenti del mercato del gaming”. Dunque, il primo segmento contagiato maggiormente è stato il gioco terrestre che ha subito inevitabilmente una sostanziale diminuzione di più del 50% delle entrate lorde di gioco nei settori dei casinò, delle slot intese come Awp e Vlt, del bingo e delle scommesse, mentre l’impatto sulle lotterie è stato inferiore, ma sempre rilevante anche per questo ultimo segmento.

Il lockdown, ovviamente, è il diretto responsabile di questa importante percentuale di diminuzione della raccolta, mentre per le lotterie si deve sottolineare che hanno subito un impatto minore perché evidentemente i tagliandi sono stati acquistati nei negozi di alimentari rimasti aperti al pubblico nella maggior parte delle giurisdizioni. Come ripetuto più volte, al lockdown è da attribuirsi una sorta di “impennata” dei giochi online anche se le varie giurisdizioni non hanno consegnato risultati “sconvolgenti” e sostanziali: sicuramente vi è stato un “uso maggiore” dei casinò games e forse anche del bingo. Ma con risultati poi non così eclatanti come si vorrebbe forse far credere, poiché si deve anche ricordare che le scommesse, segmento gradito dai giocatori anche online, hanno subito uno stop visto che i vari campionati erano in ogni caso desolatamente fermi. Il gioco d’azzardo che pare abbia avuto un incremento maggiore è stato il poker online che ha segnalato un aumento sostanziale.

Dall’indagine IAGR emerge anche che per affrontare la carenza di sport dal vivo, alcune piattaforme hanno sviluppato le scommesse sugli eventi virtuali che sono cresciute a livello globale e si sono affermate come un prodotto di gioco “stabile” anche se la percentuale che si riferisce a questi giochi è bassa, ma nel suo insieme, essendo un comparto che ancora non è assolutamente sviluppato, e non solo nel nostro Paese. Dopo il quadro globale che appare da questa fotografia del gioco d’azzardo al giugno 2020 “ci piace” anche riflettere sulle azioni dei Regolatori e sugli approcci che questi ultimi hanno studiato e messo in campo per contrastare l’emergenza sanitaria (e la conseguente emergenza economica). Anche il gioco, come tutti gli altri settori, non era preparato ad un impatto simile della pandemìa né tanto meno poteva essere pronto con qualche “fulminante iniziativa” prima per contrastare il lockdown e poi per affrontare le riaperture delle attività ludiche nelle varie giurisdizioni.

Tutti i Regolatori si sono ben resi conto di quanto poteva essere difficile affrontare la situazione, a livello globale: la mancata raccolta, l’applicazione delle vecchie normative che difficilmente potevano applicarsi alla situazione attuale che il gaming stava vivendo, la riscossione e la tassazione i cui importi non potevano sicuramente trovare le giuste scadenze, la misurazione dell’impatto delle modifiche normative e, sopratutto, la valutazione del rischio cui andavano incontro tutte, assolutamente tutte le attività di gioco, le imprese ed i lavoratori che vedevano un futuro veramente “oscuro”. Vita complicata sicuramente per i Regolatori che devono raccogliere dati e non per tutti risulta semplice e scorrevole mentre altri, invece, riescono a gestire dati transazionali in tempo reale. Oggi si può dire soltanto che c’è davvero ancora tanta confusione seppur il gioco si sia riaffacciato sui vari mercati con la voglia di “continuare a vivere”… ma veramente lo fa con tantissima fatica!

Settembre 4, 2020: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
225 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1350€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 3000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita