Il futuro del gioco non è cosi tremendo come si crede

futuro del gioco migliorabile

Quel che si può dire è che questo 2020, anno peraltro bisestile, è stato pazzesco e si ricorderà a lungo ma sicuramente tutti saranno felici e non lo rimpiangeranno quando si concluderà, considerato ciò che ci ha fatto conoscere, vivere e convivere. Forse ha anche portato qualcosa di buono, visto che durante l’emergenza sanitaria si è stati costretti a stare più con noi stessi ed a valutare la nostra vita e le nostre priorità: quindi, indubitabilmente ci ha portato a confrontarci con qualcosa di nuovo e di diverso e ha fatto acquisire conoscenze che inconsciamente si erano dimenticate. Il preambolo forse anche un poco “sdolcinato”, però, deve far riflettere su ciò che è successo a causa di questa pandemìa al mondo delle scommesse legali che hanno avuto uno stop non preventivato. Infatti, durante il lockdown si è stati costretti al “domicilio forzato” e non si è potuto assistere ad alcun evento sportivo essendo tutti sospesi se non quegli sport e quei campionati che assolutamente non bastavano a stuzzicare l’attenzione, né tanto meno a sollecitare l’idea di una scommessa qualsiasi.

Un lockdown lunghissimo anche perché non conosciuto in precedenza ed assolutamente imprevedibile: finalmente, poi una ripartenza frenetica delle competizioni di calcio che sicuramente non riuscirà a ripagare le aziende di scommesse di ciò che hanno perso, e si parla di un 88% di decremento per il mese di aprile. Però, facendo un po’ di conti con dati seri e senza lasciarsi trasportare troppo dalle sensazioni, i primi sette mesi di questo benedetto anno si sono chiusi con un meno 13,3% e serve anche ricordare che allo stop dei campionati, ovviamente in periodo normale, si scommette veramente pochino. In ogni caso, un “incasso” di circa 700 milioni in pandemìa, considerate le enormi difficoltà che hanno incontrato sopratutto gli operatori del gioco fisico, ed anche i siti migliori di casino in Italia, non può che considerarsi positivo. In generale, l’anno si era aperto molto bene per il gioco, dato confermato anche dagli incassi nelle scommesse, e si poteva immaginare che il 2020 sarebbe stato foriero di grandi movimenti economici, poiché si sarebbero dovuti giocare gli europei di calcio ed anche le coppe promettevano bene.

Ma guardare e piangere sul “latte versato” può fare soltanto male, mentre tutte le forze dovrebbero essere convogliate per chiudere bene questo anno particolare: tutto il betting (ma non solo questo comparto) deve unirsi per mettere in campo strategie utili ed interessanti per uscire indenne dalla situazione attuale che, purtroppo, ha lasciato campo aperto al gioco illegale che ha allungato i tentacoli sul mercato, approfittando del Coronavirus e della chiusura per lungo tempo del gioco d’azzardo lecito. L’unica cosa, od almeno quella più importante, che si può dire è che senz’altro recuperare i mesi di chiusura del gioco terrestre sarà impossibile e ciò graviterà sui bilanci aziendali: oltre tutto, il lockdown si è tenuto proprio nel periodo dell’anno dove i campionati sono nel vivo, così come le coppe europee e combacia con il periodo dove le scommesse sono più “importanti e frequenti”. Quindi, pensare di recuperare ciò che si è “perduto” risulterà un’impresa impossibile, anche se la ripartenza del gioco è stata più rosea di ciò che si aspettava.

E questo si deve subito tramutare in positività e nel vedere il bicchiere mezzo pieno, e di vino anche molto buono! D’altra parte il mondo del gioco non vuole farsi abbattere e tenta di studiare sempre qualcosa che possa fronteggiare le “disavventure emergenziali” e possa mettere le proprie aziende in condizioni di ripartire con forza della quale è senza dubbio capace. Negli ultimi anni il gioco pubblico ha dovuto subire altri momenti pericolosi economicamente, proprio a causa di tutte quelle norme che “nascevano come funghi” su tutto il territorio e che le Regioni mettevano in campo con una disinvoltura preoccupante. Cosa che ha portato, purtroppo, a sfoltire le fila degli operatori, special modo di quelle micro imprese che non hanno potuto resistere alle “intemperanze istituzionali” che non vedevano l’ora (almeno questa era la percezione) di mettersi di traverso ai percorsi commerciali delle attività ludiche.

Se generalmente la filiera del gioco è riuscita però a sopravvivere a quelle imposizioni normative così assurde, riuscirà anche a rialzare la testa ed a riprendersi il mercato post-lockdown, sfruttando il più possibile le energie restanti. La forza di fare questo il gioco se la prende dalla ripartenza delle attività che ha subito prima un’ondata positiva con il nuovo popolo di giocatori che si è riaffacciato nelle sale giochi di slot machine, poi una negativa che lo ha visto allontanarsi ed ancora quella più recente che ha portato di nuovo a scommettere, a giocare, a divertirsi seppur con la massima attenzione per la salute. Alla sicurezza dei giocatori che si presentano nelle sale giochi con timore, ma non più con la paura iniziale, hanno pensato gli addetti ai lavori che offrono ambienti con veste nuova per i protocolli che si devono affrontare, ma ambienti più accoglienti e persino più accattivanti di prima: si cerca anche di proporre offerte di gioco “vantaggiose” che possano stuzzicare maggiormente l’attenzione e la voglia di competizione e, sopratutto, divertire.

Divertimento di cui tutti noi avremmo necessità dopo il periodo trascorso ed in attesa di non vederci travolti da un’altra ondata di contagi, visto ciò che ogni giorno viene comunicato in relazione alla escalation delle persone coinvolte. Ma proprio per “approfittare” di questo momento di “sufficiente calma sanitaria” e di ripresa delle competizioni sportive, almeno sino a quando non accadrà qualcosa di preoccupante, anche il betting deve cogliere l’attimo fuggente e cercare di “prendere” tutto ciò che è possibile. Alcuni nuovi format sportivi rendono emozionante le esperienze dei tifosi e degli scommettitori: ad esempio nel basket l’NBA propone quotidianamente partite in orari congegnali anche per l’Europa e molte di queste sono trasmesse in TV. Ciò stimola la voglia di scommettere e fa ricominciare a scorrere quell’adrenalina relativa ai risultati delle puntate e delle stesse scommesse. Tutto ciò fa parte del bicchiere mezzo pieno: alla salute, quindi!

Ottobre 21, 2020: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 300€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
legale aams
Visita
gioco digitale casino logo
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
legale aams
Visita
bwin casino logo
Bwin Casino
50 Giri + 200€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
300 Giri + 200€
legale aams
Visita
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 300€
legale aams
Visita
william hill casino logo
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
pokerstars casino logo
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita