I detrattori del gioco d’azzardo rimarranno molto delusi

detrattori gioco azzardo legale rimangono delusi

Dopo la riapertura del mondo dei giochi e dei migliori siti casino in italia, “ci piace” fare una sorta di bilancio almeno dei sentimenti che hanno contraddistinto ed accompagnato la riapertura delle attività sul territorio, salvo in alcune Regioni dove si dovrà aspettare ancora un po’ per giocare. Bilancio che è nettamente positivo: i nuovi giocatori hanno accolto con estremo “affetto e partecipazione” la riapparsa del gioco fisico nelle città: assolutamente niente assembramenti ma soltanto aggregazione nelle sale da gioco, adeguate ai tempi del Coronavirus con tutti i protocolli di rito, che non hanno però fermato l’interesse di chi ha aspettato a lungo di potersi divertire con questo intrattenimento. Non ha importanza che una parte dell’opinione pubblica, mal indirizzata come sempre da una certa politica, si esprima in senso negativo nei confronti del gioco, ma non magari nei confronti dell’alcol al quale viene consentita pure la pubblicità, mentre al gioco ne è stata vietata qualsiasi forma!

Le attività di gioco hanno riaperto, seppur con enorme fatica economica e non sapendo cosa potrà mai succedere in relazione all’accesso dei giocatori, cosa sia successo nelle loro menti dopo più di 90 giorni di chiusura, anche se qualche benpensante (o buontempone dipende dal punto di chi vista di chi parla) può aver pensato che un periodo così lungo di “astinenza da gioco” avrà aiutato tanti “malati di gioco d’azzardo” ad uscire dalle loro devianze. Invece, la riapertura del gioco era attesa, ed è stata accolta, con piacevolezza dai suoi estimatori che seppur timidamente comunque si sono riaffacciati nelle sale da gioco, completamente innovate e soggette come già detto ai protocolli per la salvaguardia della salute, come è giusto che sia, sopratutto in Lombardia dove il virus sta dando dei segnali non buoni e che consigliano di stare molto attenti. E poi non si dimentichi, nonostante una certa politica continui a far pensare che i giocatori sono tutti “insani ed immorali”, che il gioco è intrattenimento e sicuramente non pericolosità.

Ma nonostante questo pensiero perennemente ricorrente delle istituzioni, ed anche cavalcato da alcuni media, la vera opinione pubblica non segue questo percorso così ostile nei confronti del gioco pubblico: le prime ore in cui i locali di gioco hanno riaperto i battenti hanno registrato una notevole presenza di pubblico, ma senza assembramenti offrendo quindi un segnale di ricerca della quotidianità, del divertimento, della normalità del gioco e delle scommesse che pre-Coronavirus faceva parte delle consuetudini giornaliere. Quindi forte e chiaro risulta il richiamo del gioco ed alla sua socialità e non certo alla “perdizione” come si vorrebbe trasmettere: sinora ci si era chiesti se la ripartenza del settore ludico sarebbe stata possibile e che tipo di giocatore ci si poteva ritrovare all’ingresso delle sale da gioco dopo il lockdown. Sicuramente, una persona ancora stranita dalla situazione che gli viene proposta: cambiamenti all’ingresso, percorsi di entrata e di uscita, obbligo di mascherine quand’anche di guanti, igienizzazione degli apparecchi. Quindi, straniti per questo “nuovo gioco” ed intimoriti dal nuovo quotidiano, ma certamente felici ed ansiosi di divertirsi.

Se qualche falso moralista poteva pensare che la pandemia potesse modificare le abitudini degli estimatori del gioco, rimarrà alquanto deluso e contrariato: la realtà è che la riapertura del gioco è stata accolta con la voglia di socializzare e divertirsi come è nel DNA dello stesso gioco che unisce a questo anche la voglia di giocare in modo sano, consapevole e responsabile per cercare il “bacio della Fortuna”! Per questo ben venga questa benedetta riapertura del gioco al pubblico che ne stava aspettando la ripartenza come un bambino aspetta di poter giocare con il suo giocattolo preferito: questa è la realtà spensierata e leggera della maggior parte di coloro che cercano il gioco e che con esso vogliono anche socializzare con altre persone che la pensano in modo identico. Il gioco non è fatto da perditempo od approfittatori, ma da gestori consapevoli di ciò che offrono e da una clientela che si diverte spensieratamente: cosa di cui avremmo tutti bisogno e che è mancata a lungo in questi mesi di lockdown che sembravano non finire mai.

Obbiettivamente, il responso che si attendeva dalla riapertura delle sale da gioco è maggiore di quello che si poteva mai pensare: i giocatori, più o meno di buon grado, hanno affrontato le limitazioni imposte dallo Stato, giustamente, per la tutela della salute anche se le stesse hanno cambiato quasi radicalmente l’accesso ai giochi. Ma tutto è stato accettato per la grande voglia di normalità e di divertimento: se i giocatori non hanno potuto sostare all’interno delle sale slot machine si sono radunati, ordinatamente all’esterno, chiacchierando e socializzando dopo tanto tempo vissuto nella tristezza che riportava i risultati dello svolgersi della pandemìa. Insomma, il gioco si sta comportando assolutamente bene anche se l’Esecutivo forse si aspettava qualcosa di diverso che invece si è verificato con le “solite movida” che pure nell’ultimo fine settimana hanno fatto registrare fatti a dir poco inquietanti.

In effetti non esiste “il libera tutti” istituzionale: si sta cercando di aprire le attività il più possibile anche per dare modo all’economia di riprendersi e ricominciare a “girare”, cosa che non appare funzionare ancora. Il Premier Conte ha sottolineato che i primi risultati dall’attuazione delle varie “fasi di ripresa” non sono positivi: c’è parecchio da fare, la gente è ancora sospettosa, incerta e poi, cosa importante, manca la liquidità. Troppi stanno facendo i conti con il lavoro che manca e con le aziende che chiudono, o che andranno a chiudere: quindi, la gente non può essere serena e ci vorrà altro che l’apertura delle imprese di gioco per far ritornare il buon umore e la spensieratezza. Però, almeno un gioco che allieta le persone senza però far dimenticare che il fenomeno del gioco è complesso e non va mai persa di vista la possibilità che un suo abuso possa portare a derive e conseguenze di certo non piacevoli: come, purtroppo, sta facendo l’alcol e la droga e di cui la cronaca riferisce ormai quasi fosse “una normalità acquisita”.

Luglio 6, 2020: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
225 Giri + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1350€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
merkur win casino logo
Merkur Win Casino
15€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita