Finalmente il gioco d’azzardo riapre

ripartenza gioco azzardo

Il gioco d’azzardo, direbbero i detrattori, non può più piangersi addosso e riparte: ora dovrà fare i conti con i protocolli e le linee guida, ma finalmente le sue sale, le agenzie di scommesse ed i Casinò potranno “prendere aria” e riaprire i battenti, seppur confrontandosi con una realtà che mai sarà come quella di prima. Sarà quella realtà, però, che si dovrà vivere per un bel pezzo e che dovranno affrontare tutte le aziende che in questo periodo hanno già riaperto e che già hanno accolto i cittadini ancora storditi e straniti dall’esperienza sanitaria e dal lockdown che ha inciso, e che lo farà ancora, sulla vita quotidiana di tutti. C’è tanto timore ed incertezza: sentimenti con i quali si dovranno confrontare tutti i settori, cercando di avere pazienza e coinvolgendo la propria clientela con nuove iniziative e strategie che offrano tranquillità, serenità e divertimento, cosa che intendono fare le imprese di gioco che, purtroppo, hanno subito con questa ritardata riapertura un contraccolpo notevole.

Ovviamente a tutto si potrebbe rimediare: si cercheranno di riorganizzare i vari punti di gioco con i protocolli richiesti, innanzitutto per la tutela dei propri dipendenti e per la propria clientela che, sicuramente, ha tanta voglia di divertirsi ma che, naturalmente, lo vorrà fare in tutta sicurezza, salvo forse una minoranza che affronta il “libera tutti” con la mentalità che tutto l’allarme sanitario sia oggi superato. Purtroppo, non è così e la ripartenza di tutte le attività è stata data per non far crollare l’economia nazionale che deve essere sostenuta e riprendersi, con un ritmo diverso, con le proprie attività ed incentivando con intelligenza la nuova clientela. Questo si appresta a fare il mondo del gioco e dei migliori casino soldi veri: tanta la chiusura, la paura, l’incertezza ma il gioco pubblico deve proseguire nel suo percorso di legalità anche per contrastare la presenza che sta diventando “troppo opprimente” dell’illegalità, cosa che non fa bene né al territorio, né tanto meno ai cittadini.

Ecco, quindi, che le saracinesche delle sale da gioco si riaprono poco a poco: forse prima di tutte le altre apriranno le Case da Gioco di Sanremo e di Venezia: infatti, i Governatori della Liguria e del Veneto avevano già firmato le relative ordinanze, ma ovviamente attendevano questo “libera tutti” da parte del Governo centrale per non entrarvi in collisione, sopratutto in questo momento particolarmente delicato. D’altra parte, non si può in tempi così difficili continuare a combattere, bisogna anche ricostruire ed adattarsi ad una nuova vita del gioco che deve essere pronto ad ospitare una nuova clientela che immancabilmente non potrà essere quella di prima il Coronavirus. Le sale da gioco non saranno più le stesse perché dovranno seguire i protocolli per la sicurezza sanitaria e sta ai vari imprenditori trovare la forma più agevole per non snaturare l’ambiente di gioco d’azzardo legale rendendolo, però, più che sicuro ed invitante.

Gli estimatori del gioco d’azzardo, dopo così tanti giorni di astinenza dal gioco fisico avranno desiderio di riprovare la gioia dell’intrattenimento con le apparecchiature terrestri che devono essere pronte e scintillanti per offrire il loro divertimento. Chissà, poi, se ci si dovrà abituare ad uno scenario economico che rispecchi quello di Macao dove i casinò hanno riaperto ma, purtroppo, con risultati disastrosi: il mese di aprile ha consegnato un crollo degli incassi pari al 97% guadagnandosi il premio di peggior mese di sempre per quella città. E nel resto dell’Europa, e sopratutto in Italia, cosa starà succedendo? Sicuramente anche gli altri Paesi avranno difficoltà, non solo i Casinò e le sale da gioco del nostro Paese: tutti avranno una ripresa difficoltosa per curare l’interesse dei giocatori! Sicuramente, tutto il gioco d’azzardo planetario prospetta scenari non certo edificanti poiché ci si dovrà districare tra percorsi prestabiliti, “muri di plexiglas”, guanti e mascherine od altrimenti disinfettanti ad oltranza: e già tutto questo metterà un po’ d’ansia in tutti i giocatori.

Si pensi special modo ai professionisti del gioco che si troveranno coinvolti in situazioni non certo agevoli ed a questo proposito si sono già espressi negativamente: ma, purtroppo, con il Coronavirus non si scherza. O le strutture apriranno con tutti i crismi della sicurezza sanitaria od altrimenti non si potrà giocare. Soltanto che alla riapertura non è più il momento delle parole, né tanto meno delle lamentele: bisogna mettere in pratica tutte quelle strategie che per giorni si sono anticipate “sulla carta” e che oggi, alla ripartenza, si dovranno materializzare. Questo per non dare il segnale negativo di “solo parlare e nulla fare” che non si addice al mondo del gioco, ed anche a quello del poker online, che anche durante la pandemìa ha sempre rischiato in prima persona, sopratutto a livello economico continuando a pagare i propri dipendenti: quanto meno quelle imprese che hanno potuto farlo, poiché come si sa il gioco italico è composto da una miriade di micro imprese. Ma la situazione era già critica ancor prima del Coronavirus dove tutto il settore “barcollava” a causa delle note ristrettezze operative imposte dai vari Enti Locali e dalla Regioni.

Normative che avevano portato sempre meno giocatori nei punti di gioco: ma come dimenticarsi dei vari distanziometri e delle fasce di accensione delle apparecchiature slot machine? Ora, da quella situazione, il mondo del gioco si proietterà in un futuro ancora più incerto e particolarmente costoso per adeguarsi ai protocolli istituzionali ed alle linee guida: infatti, si troverà a controllare la gestione delle code all’entrate dei punti di gioco, ad evitare assembramenti dentro e fuori gli esercizi, a controllare la capienza massima delle sale, a sottoporre offerte di gioco più accattivanti ed interessanti. Non sarà per nulla un’impresa facile anche perché ci si dovrà anche confrontare con gli incassi e le varie tassazioni comunque da rispettare. Insomma la tanto agognata riapertura è arrivata, quindi ecco una nuova chance che porta con sé, però, anche tantissime problematiche, sia pratiche che economiche, da affrontare senza un apparente sostanzioso sostegno da parte dell’Esecutivo che, onestamente, per il mondo del gioco ha fatto pochissimo e che ha lasciato le “sue Riserve” in balìa degli eventi: tanto per cambiare!

Giugno 27, 2020: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
225 Giri + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1350€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
merkur win casino logo
Merkur Win Casino
15€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita